Tag: hc monteprandone

Operazione riscatto

MONTEPRANDONE – Lavare via il terzo ko in campionato. Il più doloroso. L’Handball Club Monteprandone sabato sarà ad Altamura, per la seconda trasferta consecutiva, e proverà a rialzarsi dopo la pesante sconfitta di Mascalucia (41-20): stop che ha fatto scivolare i verdi al secondo posto, a meno 2 dal gradino più alto del podio, e lasciato ai siciliani la vetta solitaria nel girone C di Serie A Bronze.

Coach Andrea Vultaggio ha lavorato fin da subito per far dimenticare la giornataccia catanese ai suoi ragazzi. E allora sotto con la penultima tappa della stagione regolare. Altamura fanalino di coda, un solo successo, 11 sconfitte, ma l’HC non può permettersi di sottovalutare nessuno in questo momento. No, massima concentrazione. Sabato (il via alle 19.30) Monteprandone vuole ripartire.

Qui il quadro completo della 6a giornata di ritorno.

Il Giovinetto-Gaeta (02/03 ore 15)

Noci-Mascalucia (02/03 ore 19)

Altamura-HC Monteprandone (02/03 ore 19.30)

Pescara-Chieti (03/03 ore 15.30)

Batosta siciliana

Team Mascalucia-HC Monteprandone 41-20

TEAM MASCALUCIA: Torrisi, Bianchi 5, Squillaci 1, Consoli 7, Costanzo 3, Xhetani 4, Aiello 1, Mirotta, Bandiera 2, Quattrocchi 6, Barbagallo 4, Battiato 4, Giuffrida, Villani, Cardullo 4. Stramondo. All.: Randis.

MONTEPRANDONE: Mucci, Evangelista, Cancellieri 1, Di Girolamo, Cani, Grilli 3, Capocasa, Cuzzi 2, Moreno Salladini 7, Cocco 2, Takacs 5, Romussi, Cela. All.: Vultaggio.

Arbitri: Manuele e Pollaci.

NOTA: parziale primo tempo, 17-9.

MASCALUCIA (CATANIA) – Dimenticare, dimenticare in fretta. Nel faccia a faccia tra prime, l’Handball Club Monteprandone esce con le ossa rotte. A Mascalucia, in Sicilia, ecco la terza sconfitta stagionale, la più pesante, la seconda del 2024. Passivo pesantissimo, 41-20, con il solco già scavato nella prima frazione di gioco (17-9).

Una prestazione, quella dell’HC, in cui poco o nulla ha funzionato. Giornata no dei portieri, poco coraggio e scarsa lucidità in attacco. Ancora: tanti errori e qualche palla persa di troppo. La sintesi è il pomeriggio nerissimo nel Catanese. E Monteprandone scivola al secondo posto in classifica, a meno due dal Mascalucia, padrone del girone C di Serie A Bronze a quota 20.

Alla fine coach Andrea Vultaggio è al solito molto schietto: “Come spesso accade dopo una grande partita (contro Chieti, ndr) è sempre difficile tenere alta l’asticella. Abbiamo fatto la peggiore prestazione degli ultimi anni. Non c’è nessuna scusante ed è anche difficile fare un commento quando si gioca così male. L’unica cosa che riesco a fare sono i complimenti agli avversari che ci hanno creduto più di noi e che sicuramente in casa sono un’altra squadra. Ma il fatto che loro non abbiano mai vinto con un parziale così ampio, la dice lunga sulla nostra giornata nera”.

“Ai miei ragazzi dico solo una cosa: si raccoglie sempre ciò che si semina. Adesso dovranno dimostrare a tutti che quella di oggi è stata solo una brutta giornata” passa e chiude Vultaggio. Prossima tappa, la penultima della stagione regolare, sempre in trasferta: sabato 2 marzo esame sul parquet dell’Altamura (alle 19.30).

HC in Sicilia per la partitissima

MONTEPRANDONE – La partitissima. Si sfidano le due squadre prime in classifica. L’Handball Club Monteprandone sul campo del Team Mascalucia. La tappa siciliana, sabato alle 16.30, è la terzultima della stagione regolare.

I numeri delle formazioni regine del girone C di Serie A Bronze: nove vittorie e due sconfitte a testa, 355 gol fatti per i catanesi e 310 per Monteprandone, 309 reti subite dai padroni di casa, 276 dai verdi.

Esame severissimo per gli uomini di coach Andrea Vultaggio: Mascalucia ha vinto tutte e cinque le partite casalinghe. All’andata, a inizio dicembre, al palazzetto di via Colle Gioioso fu successo marchigiano di misura (28-27). “Nonostante quella vittoria loro restano i grandi favoriti per la sfida di sabato e il successo in campionato: una squadra completa, tecnicamente forte, veloce ed esperta. Non solo. Dopo un lungo viaggio troveremo un campo e un clima difficili. Cercheremo comunque di continuare sulla scia della buona prova casalinga contro Chieti. Proveremo a fare del nostro meglio per rendere loro la vita difficile” conclude coach Vultaggio.

Sabato in Sicilia arbitrano M. Manuele e Pollaci.

Nona vittoria stagionale

HC Monteprandone-Chieti 36-31

MONTEPRANDONE: Mucci, Vagnoni, Mirko Salladini, Evangelista 7, Cancellieri, Di Girolamo 3, Cani, Grilli 7, Capocasa, Tritto, Cuzzi 4, Moreno Salladini 5, Cocco 5, Takacs 5, Romussi, Cela. All.: Vultaggio.

CHIETI: Bida 4, Pidsosonnyi 4, Gjini 2, Giampietro 4, Santoleri, Candelo, Scaringi, Di Brigida 1, Faieta, Vaveliuk, Orlando, Vera 10, Di Mascio 6. All.: Savini.

Arbitri: Palomba e P. Lorusso.

NOTA: parziale primo tempo, 21-14.

MONTEPRANDONE – L’Handball Club Monteprandone ottiene la vittoria stagionale numero 9, la terza consecutiva. E resta in testa alla classifica del girone C di Serie A Bronze, proseguendo il duello con il Team Mascalucia, appaiata ai verdi a quota 18. Al Colle Gioioso, contro Chieti, partita in controllo per i marchigiani, capaci di tenere sempre a distanza di sicurezza i rivali.

“Oggi è stata una delle nostre migliori prestazioni” commenta infatti alla fine coach Andrea Vultaggio. “Abbiamo fatto una gran difesa nel primo tempo, tenuto un ritmo molto alto con un margine di vantaggio sempre rassicurante. Nel secondo tempo fisiologicamente c’è stato un leggero calo, ma siamo stati anche sul +8 e questo indica che comunque la gara è stata sempre sotto controllo. Meritano i complimenti anche gli avversari, che nella metà del secondo tempo ci hanno impegnato fino ad avvicinarsi al meno 3, ma fortunatamente in quel frangente siamo stati molto bravi a reagire e tornare subito sopra con un punteggio più ampio”.

“Devo dire che quest’anno Chieti è stata una formazione sempre difficile da affrontare e sono certo che sapranno subito ritornare alla vittoria perché valgono qualcosa in più della classifica che occupano”.

Finale con un occhio al prossimo impegno. “Siamo attesi dalla trasferta più difficile della stagione, quella di Mascalucia (sabato alle 16.30, ndr), loro ovviamente partono da grandi favoriti perché giocano in casa dove non hanno mai perso. Noi proveremo a fare la nostra gara consapevoli che comunque vada il traguardo resta a portata di mano e il nostro obiettivo sarà quindi quello di uscire dal campo a testa alta e senza rimpianti” conclude coach Vultaggio.

Arriva Chieti al Colle Gioioso

MONTEPRANDONE – Vietato fermarsi. È il comandamento dell’Handball Club Monteprandone, a quattro giri dalla conclusione della stagione regolare. Dopo il successo di Gaeta, il secondo filato, l’ottavo in campionato, i verdi, al comando della classifica del girone C di Serie A Bronze insieme al Team Mascalucia, tornano al palas di via Colle Gioioso: sabato alle 18.30 sarà ospite Chieti, reduce dalla sconfitta interna (26-28) proprio contro l’altra capolista.

Teatini quarti, 6 punti sotto, ma all’andata fu sfida tiratissima. Ne uscì il primo colpo esterno per Monteprandone. Adesso il secondo atto e per la squadra di coach Andrea Vultaggio un’altra settimana trascorsa a gestire qualche influenzato. Al solito all’HC servirà massima concentrazione per proseguire la cavalcata.

Sabato arbitrano Palomba e P. Lorusso. Al Colle Gioioso ingresso gratuito.

Qui il quadro completo della 4a giornata di ritorno.

Pescara-Il Giovinetto 17/02 ore 15

Monteprandone-Chieti 17/02 ore 18.30

Noci-Gaeta 17/02 ore 19

Team Mascalucia-Altamura 17/02 ore 19.30

Successo in rimonta

Polisportiva Gaeta-HC Monteprandone 17-25

GAETA: Clima, Prosdocimo, Macone 1, Fiorenzano 1, Tallini, Usai, Nocella, Golinelli 4, Silva 1, Carbone, Tavoletta, Della Valle, Pantanella 6, Uttaro 4, Monti, D’Ovidio. All.: Viola.

MONTEPRANDONE: Mucci, Vagnoni, Mirko Salladini, Evangelista, Cancellieri 1, Di Girolamo 2, Cani 1, Grilli, Capocasa, Tritto, Cuzzi 5, Moreno Salladini 3, Cocco 7, Takacs 2, Romussi 4, Cela. All.: Vultaggio.

Arbitri: Formisano e Sarno.

NOTA: parziale primo tempo, 13-11.

MONTEPRANDONE – La vittoria numero 8 per l’Handball Club Monteprandone, che resta in vetta alla classifica del girone C di Serie A Bronze, a braccetto con il Team Mascalucia.

A Gaeta, contro il vice fanalino di coda del campionato, partita dai due volti: capolista brutta, tesa e contratta nella prima frazione e invece tosta e grintosa in quella successiva. HC sotto al riposo, 11-13, ma poi capace di prevalere nettamente, subendo appena quattro reti (una negli ultimi 25 minuti): risultato finale, 17-25

Da segnalare il primo gol in maglia verde dell’italo-argentino Cancellieri, arrivato tre settimane fa.

“Sono molto felice, ovviamente, del secondo tempo dei miei ragazzi” commenta alla fine coach Andrea Vultaggio. “Subire quasi niente per un tempo non è cosa di poco conto. Non dobbiamo farci ingannare dalla posizione in classifica di Gaeta: in casa, quando sono al completo, sanno mettere in difficoltà chiunque. Nella ripresa abbiamo avuto una reazione da grande. Dobbiamo solo limare qualche errore di troppo sotto porta. Così potremo guardare con fiducia alle quattro gare che restano, quelle che ci diranno quale sarà il nostro destino”.

La prossima è sabato, al palazzetto di via Colle Gioioso (alle 18.30), contro Chieti, quarta forza del girone. “È un avversario in grado di esprimere un buon gioco, dovremo prestare attenzione. Si torna subito a lavorare, senza pause, per dare continuità ai nostri miglioramenti” conclude coach Vultaggio.

HC, esame con Gaeta

MONTEPRANDONE – Altre cinque partite della stagione regolare e soprattutto cinque squadre in quattro punti. Lotta per la poule promozione accesissima nel girone C di Serie A Bronze, con l’HC Monteprandone in vetta insieme al Team Mascalucia, a quota 14.

Ma la prossima tappa è un’altra di quelle che peserà parecchio, con le due primatiste di scena in trasferta (i verdi domenica alle 18 sul parquet della Polisportiva Gaeta, i catanesi sabato alle 14.30 a Chieti) e la sfida tra Il Giovinetto, al quarto posto dopo il ko del Colle Gioioso, e Noci, terzo.

Monteprandone guarda in casa propria. Gruppo al completo, rinfrancato dall’ultimo successo e però attento a non sottovalutare Gaeta. I prossimi rivali saranno pure penultimi (con 4 punti), ma una delle due vittorie iscritte a referto sono arrivate proprio in casa, peraltro contro un avversario quotato come Il Giovinetto. Dunque, per la squadra di coach Andrea Vultaggio il diktat è antenne dritte, zero distrazioni.

Primo concentramento Under 13

MONTEPRANDONE – Partiti, anche loro. La formazione Under 13 dell’HC Monteprandone ha inaugurato il campionato.

I verdi di coach Raffaele Salladini sono stati inseriti nel girone B, misto. Ieri primo concentramento della stagione, proprio al Colle Gioioso. Questi i risultati: Monteprandone-Camerano 21-28, Camerano femminile-Falconara 37-21, Camerano-Camerano femminile 30-27 e Falconara-Monteprandone 21-30. Prossimo impegno, stessa formula, domenica 11 febbraio a Camerano (dalle 9).

La prima fase del torneo, che prevede due concentramenti e quattro partite singole, si concluderà il 25 febbraio. La seconda fase, entro il 18 maggio, si costituirà di un unico raggruppamento per la determinazione della classifica finale: gare di andata e ritorno e secondo il format del girone all’italiana, in otto concentramenti, in cui ciascuna squadra si porta dietro i soli punteggi acquisiti nelle partite già disputate con le concorrenti dirette provenienti dallo stesso girone (ad esclusione di ogni altro dato) e con le quali non sono previsti incontri.

L’Under 13 maschile con il migliore piazzamento finale è proclamata Campione regionale delle Marche per la categoria di appartenenza. Idem quella femminile. Poi, entro il 2 giugno, le finali per stabilire i Campioni di Area.

Intanto, lasciata alle spalle l’ennesima sosta della stagione, per la prima squadra dell’HC Monteprandone (capolista del girone C di Serie A Bronze insieme al Team Mascalucia) è tempo di pensare al prossimo impegno: domenica, alle 18, match sul campo della Polisportiva Gaeta.  

Vittoria e vetta mantenuta

HC Monteprandone-Il Giovinetto 29-26

MONTEPRANDONE: Mucci, Vagnoni, Mirko Salladini, Evangelisti 7, Di Girolamo 3, Cani, Grilli 6, Capocasa, Tritto, Cuzzi 1, Moreno Salladini 5, Cancellieri, Cocco 2, Takács 4, Romussi 1, Cela. All.: Andrea Vultaggio.

IL GIOVINETTO: Giovanni Marino, Pantaleo 12, Lo Cicero, Antonino Marino 1, Summa 3, Vinci, Bilokapic 4, Mistretta, Asimionesei, Ponticelli, Giacalone, Mannone 5, Tahar 1. All.: Onofrio Fiorino.

Arbitri: Vasile e Tempone.

NOTA: parziale primo tempo, 13-10.

MONTEPRANDONE – Pronto riscatto. C’è il primo successo casalingo del 2024: l’Handball Club Monteprandone cancella il passo falso di Pescara, mantiene la vetta della classifica e tiene a distanza Il Giovinetto, ora a 4 punti dai marchigiani.

Al Colle Gioioso, contro i siciliani dell’ex Pantaleo (topscorer della gara con 12 gol), la squadra di coach Andrea Vultaggio ha saputo far fronte a una situazione complicata. In sintesi: le scorie per il capitombolo del turno precedente, l’emergenza influenza gestita in settimana (Takács su tutti), oltre a Grilli alla prese con una contrattura, e la forza di un avversario (al netto delle condizioni non proprio al massimo del croato Bilokapic) che ha provato a rendere dura la vita ai verdi.

Prestazione non brillantissima per Monteprandone, ma la posta in palio era alta. Insomma: i 2 punti contavano più di ogni cosa, prima peraltro dell’ennesima sosta. HC capace di tenere duro dall’inizio alla fine e di chiudere avanti il primo tempo (13-10). Nella ripresa padroni di casa sempre con un buon margine di vantaggio e finale 29-26.

Coach Vultaggio commenta: “Dopo la prestazione scadente della scorsa settimana a Pescara, di sicuro non era facile. Ma abbiamo avuto una grande reazione. I ragazzi sono stati molto bravi a sfruttare tutti gli errori degli avversari. Ma anche noi avevamo i nostri bei problemi. Insomma siamo stati bravi a fare gruppo e fare una partita badando al sodo”.

Prossimo impegno, domenica 11 febbraio (alle 18), sul campo del Gaeta. “Avremo due settimane per affinare la nostra intesa. Ne abbiamo bisogno alla luce dei due nuovi arrivi di gennaio (l’ungherese Takács e l’italo argentino Cancellieri, ndr). L’importante è che il nostro destino dipenda nuovamente solo da noi, nella rincorsa ai due posti che portano ai playoff” passa e chiude coach Vultaggio.

Sfida cruciale con Il Giovinetto

MONTEPRANDONE – Mantenere la testa della classifica (ancorché in coabitazione con il Team Mascalucia). E soprattutto vincere la sfida che vale una bella fetta di stagione in chiave playoff. L’Handball Club Monteprandone avvicina con grande determinazione il primo appuntamento casalingo del 2024, quello di sabato alle 15 contro Il Giovinetto dell’ex Leonardo Pantaleo, per due anni in maglia verde.

Appuntamento delicato, dopo il ko nell’ultimo turno, a Pescara. E avversario, due punti sotto la vetta, da prendere con le molle. Intanto perché all’andata ha rifilato la prima sconfitta alla squadra di coach Andrea Vultaggio. Non solo. Il Giovinetto ha appena sgambettato il Team Mascalucia. C’è pure la situazione contingente a mettere sull’attenti l’HC, che in settimana sta gestendo l’ennesima emergenza influenza: almeno due le pedine in dubbio, Tritto e l’ungherese Takács, fresco di esordio con Monteprandone.  

Per tutti questi motivi coach Vultaggio si è già appellato al pubblico verde. Serve la spinta del Colle Gioioso (al solito, ingresso gratuito) per provare a riscattare lo scivolone di novembre e respingere l’assalto della formazione di Petrosino.

Qui il quadro completo della 2a giornata di ritorno del girone C di Serie A Bronze.

Monteprandone-Il Giovinetto 27/01 ore 15

Chieti-Altamura 27/01 ore 18

Noci-Pescara 27/01 ore 19

Team Mascalucia-Gaeta 28/01 ore 16

Arriva l’italo-argentino Cancellieri

MONTEPRANDONE – Un giovane. Di prospettiva. L’Handball Club Monteprandone mette in rosa il classe 2003 Maximiliano Cancellieri, ala/terzino italo-argentino che gioca dal 2014 e che è alla sua prima esperienza nel nostro Paese. Un innesto guardando al futuro per la società dei fratelli Romandini, che a fine dicembre aveva tesserato il centrale/terzino sinistro ungherese, Zalán Takács.

Cancellieri, mancino che arriva dal Club Alta Barda e che è un colosso di un metro e 90 per 78 chili, rappresenta il secondo rinforzo invernale per l’HC, che dopo la sconfitta di Pescara ha cominciato a preparare la prima sfida casalinga del 2024. Quella di sabato alle 15 contro Il Giovinetto, terzo a due punti di distanza da Monteprandone e dal Team Mascalucia, che dividono la testa della classifica.

Semaforo rosso a Pescara

Pescara-HC Monteprandone 27-26

PESCARA: Di Marco, Lorenzo Mucci 6, Fierro, Chakach, Di Giovanni, Presutti, Martin, Galli 1, Ciarrocchi 6, D’Olimpio 2, Di Pasquale 6, Colicchia 1, Carra, Colleluori 5.  All.: D’Arcangelo.

MONTEPRANDONE: Andrea Mucci, Vagnoni, Mirko Salladini, Evangelista 1, Di Girolamo 1, Cani 3, Grilli 6, Capocasa, Tritto, Cuzzi 2, Moreno Salladini 1, Cocco 7, Takacs 1, Romussi 4. All.: Vultaggio.

Arbitri: Formisano e Sarno.

NOTA: parziale primo tempo, 11-14.

PESCARA – C’è il secondo capitombolo della stagione, il primo del 2024 per l’Handball Club Monteprandone. La squadra di coach Andrea Vultaggio ricomincia con una sconfitta, sul campo del Pescara, imbattuto in casa. Verdi avanti di tre all’intervallo (14-11), ma poi ribaltati dagli abruzzesi (27-26 finale). Passo falso che non ha conseguenze in classifica: perde anche il Team Mascalucia, sul parquet del Giovinetto e allora la coppia di testa del girone C di Serie A Bronze resta appaiata a quota 12 punti.

Certo, un’occasione sprecata per l’HC, che forse ha approcciato la prima giornata del girone di ritorno con un filo di superficialità.

All’esordio, in maglia Monteprandone, il centrale/terzino sinistro ungherese, Zalán Takács, ex Chiaravalle: un gol per lui.

Alla fine coach Vultaggio commenta: “Purtroppo nello sport non si inventa nulla. Probabilmente ci siamo cullati un po’ troppo su allori che ancora non ci appartengono. Poco male, per fortuna il nostro destino non cambia, rimane fondamentale la gara interna di sabato prossimo contro il Giovinetto. Chi vincerà quella sarà proiettato verso i playoff. Ai miei ragazzi dico solo di imparare a rialzarsi dopo una caduta. E mi appello al nostro pubblico, per avere una presenza massiccia che faccia da ottavo uomo in campo” passa e chiude Vultaggio.

Sabato alle 15, dunque, al Colle Gioioso arriva Il Giovinetto, capace di sgambettare il Team Mascalucia e terzo a quota 10.

Si riparte dal Pescara

MONTEPRANDONE – Dopo oltre un mese si ricomincia. L’Handball Club Monteprandone ha chiuso il 2023 in modo straordinario, in vetta alla classifica del girone C di Serie A Bronze (insieme al Team Mascalucia), con sei vittorie a referto e una sola sconfitta. La squadra di coach Andrea Vultaggio riparte domenica (alle 17), per l’ottava giornata, la prima del ritorno.

Tappa abruzzese, sul parquet di Pescara, 6 punti in graduatoria, la metà dei verdi. Ma prima della sosta gli abruzzesi hanno reso la vita durissima al Team Mascalucia, perdendo di due sole lunghezze (29-31). Durante la sosta la società dei fratelli Romandini si è rinforzata con il centrale/terzino sinistro ungherese, Zalán Takács, classe 1998, arrivato dalla Publiesse Chiaravalle (Serie A Silver).

L’HC si è allenato sodo, preparandosi al massimo, per provare a riprendere nel migliore dei modi il cammino interrotto prima di Natale. Ma la prima sfida del nuovo anno, al solito, presenta mille insidie. Di fronte c’è il Pescara, capace di vincerne tre su quattro in casa propria, il Pescara dell’ex Pato Martin (prelevato dai Lions Teramo). Per Monteprandone, insomma, esame da prendere con le molle.

Arbitrano Formisano e Sarno.

Qui il quadro completo del primo turno del girone di ritorno.

Il Giovinetto-Team Mascalucia (20/01 ore 17.30)

Altamura-Noci (20/01 ore 19.30)

Pescara-Monteprandone (21/01 ore 17)

Gaeta-Chieti (21/01 ore 18)

Colpo ungherese: arriva Takács

MONTEPRANDONE – Botto di fine anno. L’Handball Club Monteprandone si regala un grande colpo: il centrale/terzino sinistro ungherese, Zalán Takács. Il classe 1998 di Nyíregyháza arriva direttamente dalla Serie A Silver, dalla Publiesse Chiaravalle, dove era giunto l’agosto scorso dallo Szigetszentmiklós KSK di Budapest, formazione della seconda categoria nazionale.

Takács, alto un metro e 88 per 86 chili, si aggregherà alla squadra di coach Andrea Vultaggio dal prossimo 4 gennaio. Quando Monteprandone ricomincerà a preparare la prima sfida del nuovo anno, in programma il 21 a Pescara (alle 17).

L’HC è al comando del girone C di Serie A Bronze, a quota 12 punti, insieme al Team Mascalucia. L’arrivo di Takács, 47 gol segnati in 11 giornate con la maglia della Publiesse Chiaravalle, certifica la voglia della società dei fratelli Romandini di continuare a essere protagonista.

Credit foto Publiesse Chiaravalle

Esame in Puglia con Noci

MONTEPRANDONE – A caccia del quinto acuto consecutivo. L’Handball Club Monteprandone non vuole fermarsi. Ma sabato, alle 19, per la settima tappa della stagione, ai verdi servirà un’impresa sul campo della Pallamano Noci, seconda in classifica a due punti di distanza. L’exploit consentirebbe all’HC di mantenere la vetta del girone C di Serie A Bronze condivisa con il Team Mascalucia.

Contro i baresi la squadra di coach Andrea Vultaggio proverà a confermarsi. Di sicuro sarà un altro momento di crescita per i monteprandonesi, che sembrano essersi lasciati alle spalle l’emergenza dovuta a influenza e infortuni. Recuperati, infatti, Evangelista e Di Girolamo, fuori nell’ultimo turno con Altamura.

Sabato in Puglia sarà esame severo: Noci, quattro vittorie e due sconfitte finora, ne ha vinte tre su tre in casa e ha la migliore difesa del campionato (145 reti subite).

Arbitri del match saranno Lorusso e Fasano.

Quinto acuto per l’HC

HC Monteprandone-Altamura 28-24

MONTEPRANDONE: Mucci, Vagnoni, Evangelista, Marco Di Girolamo, Cani 2, Grilli 10, Selgas Grandi 2, Capocasa, Tritto 8, Cuzzi 2, Moreno Salladini 3, Cocco 1, Romussi, Petroni, Cela. All.: Vultaggio.

ALTAMURA: Fiore, Tortorelli 3, Tragni 4, Chironna, Lanzolla 7, Simone 2, Palmisano, Zaccaria, Michele Loviglio, Marangeli 4, Loporcaro 3, Popolizio, Lorusso 1. All.: Paolo Loviglio (sostituito da Nicola Loviglio).

Arbitri: Verardi e Bevilacqua.

NOTA: parziale primo tempo, 14-11.

MONTEPRANDONE – La quarta vittoria (su quattro) in casa, la quinta della stagione. Missione compiuta per l’Handball Club Monteprandone, che si tiene la testa del girone C di Serie A Bronze, a quota 10, insieme al Team Mascalucia che supera Noci nello scontro diretto della sesta giornata.

Contro Altamura, ultimo in classifica ma orgogliosissimo e senza paura, non è stata la migliore HC. Anzi: partita sottotono, coi 2 punti che pesavano tanto. In ogni caso, Monteprandone subito avanti e capace di restare al comando per l’intero confronto. Ma ai ragazzi di coach Andrea Vultaggio manca il colpo del ko. Come mancano due titolari preziosi, Di Girolamo ed Evangelista (problemi fisici), anche se al loro posto Tritto (secondo miglior marcatore con 8 gol, dietro Grilli a 10) e Vagnoni fanno un figurone, a conferma dell’ottimo lavoro svolto dalla società sul settore giovanile.

Primo tempo pasticciato da entrambe le parti, con l’HC comunque più lucida. Si va al riposo sul 14-11. Ancora una volta Monteprandone si conferma squadra da ripresa: a metà parziale sale a +8 e sembra avere in pieno controllo il match. Ma dopo ci scappa il black out che permette ad Altamura (venderà cara la pelle fino alla fine) di riportarsi a meno 2 con 5 minuti da giocare. Finale contraddistinto da continui ribaltamenti di fronte, con i padroni di casa che però sfruttano la loro maturità e portano a casa la quinta partita della stagione col risultato di 28-24.

Coach Andrea Vultaggio commenta: “L’importante sono i 2 punti. Abbiamo trascorso una settimana difficile, non siamo mai riusciti ad allenarci al completo. Mi aspettavo che avremmo sofferto. Noi avevamo vinto con la prima della classe, loro avevano perso di tanto e questo a livello mentale un poco l’abbiamo pagato. Ci prendiamo la vittoria e le cose positive. Soprattutto le prestazioni di Tritto e Vagnoni: si sono comportati benissimo. E nonostante la sofferenza abbiamo condotto la partita per lunghi tratti. Ci siamo un po’ rilassati nel finale, purtroppo non riusciamo a chiudere le gare. Dobbiamo lavorare su questo aspetto” conclude Vultaggio.

Prossima tappa, assai impegnativa, sabato 16 dicembre (alle 19) sul campo della vice capolista Pallamano Noci.

Vietato sottovalutare Altamura

MONTEPRANDONE – L’entusiasmo per la terza vittoria consecutiva (su tre) in casa. Ma ora anche la responsabilità di confermarsi. L’Handball Club Monteprandone, in vetta alla classifica del girone C di Serie A Bronze, a quota 8, insieme a Noci e al Team Mascalucia, battuto sabato scorso, resta al Colle Gioioso. Secondo impegno consecutivo davanti al proprio pubblico, il quarto da inizio stagione.

Sabato 9 dicembre, alle 18.30, arriva Altamura, 5 sconfitte su 5 finora. Un’altra settimana all’insegna dell’emergenza per la squadra di coach Andrea Vultaggio, che deve gestire l’influenza e qualche acciacco. L’imperativo è quello di non sottovalutare un avversario che sarà pure fanalino di coda, ma che si conosce poco.

Al solito al Colle Gioioso l’ingresso sarà libero.

Vittoria e aggancio in vetta

HC Monteprandone-Team Mascalucia 28-27

MONTEPRANDONE: Mucci, Vagnoni, Mirko Salladini, Evangelista 6, Di Girolamo 1, Cani, Grilli 4, Selgas Grandi 5, Capocasa, Tritto, Cuzzi 7, Moreno Salladini 3, Cocco 1, Romussi 1, Petroni, Cela. All.: Vultaggio.

TEAM MASCALUCIA: Torrisi, Bianchi 5, Squillaci, Consoli 2, Costanzo 1, Xhetani 2, Mirotta, Bandiera 2, Quattrocchi 5, Barbagallo 2, Battiato, Villani 5, Cardullo 3. All.: Randis.

Arbitri: Kurti e Ramoul.

NOTA: parziale primo tempo, 14-17.

MONTEPRANDONE – Vittoria e aggancio in vetta. L’Handball Club Monteprandone supera di misura, in rimonta, il Team Mascalucia, dopo una partita tiratissima, e si accomoda sulla poltrona per tre (c’è anche Noci) in testa alla classifica del girone C di Serie A Bronze, a quota 8.

Primo tempo faticoso per l’HC, che poi però riuscirà a centrare il terzo successo consecutivo in casa (su tre). Del resto la settimana era stata complicata, con l’influenza anche stavolta a minare fisico e certezze. Ma Monteprandone, nonostante vada al riposo sotto per 14-17, non si perde d’animo.

In avvio di ripresa i padroni di casa vanno sotto anche di 5, sembra finita, ma poi ecco la svolta. Monteprandone pigia il piede sull’acceleratore. Prestazione di spessore, con pochi errori e più concretezza sotto porta. Gli ultimissimi istanti di gara regala il 28-27 che permette ai verdi di issarsi in cima alla classifica.

Coach Andrea Vultaggio alla fine commenta: “È andata bene, la gara per buoni tratti è stata in sofferenza, ma nonostante questo siamo riusciti in un modo o nell’altro a fare due punti che per noi e il nostro cammino sono fondamentali”.

“Nel primo tempo abbiamo fatto molta fatica – continua Vultaggio –, la tensione, forse le condizioni non perfette di qualcuno, hanno fatto sì che la fiducia in alcuni momenti venisse meno. Nel secondo tempo siamo invece riusciti a cambiare marcia. Il gioco in difesa è migliorato, in attacco abbiamo sbagliato meno e nonostante una fase iniziale che ci ha visti in svantaggio, siamo riusciti a ricucire il gap, resistendo alla grande solidità degli avversari che nel finale hanno provato in ogni modo, convenzionale e non, a fare loro l’intera posta. Un jolly a pochi secondi dalla fine ci ha dato una vittoria finale che abbiamo meritato per la costanza e la voglia di non mollare mai”.

Vultaggio chiude così: “Sono molto felice per il risultato e faccio i complimenti agli avversari che si sono confermati la squadra da battere in questo campionato. Per quanto ci riguarda la strada è ancora lunga e sarà fondamentale perdere meno punti possibili da qui alla sosta natalizia”.

Sabato 9 dicembre si resta al Colle Gioioso, per la sfida al fanalino di coda Altamura.

Sfida alla capolista

MONTEPRANDONE – Sfida alla capolista. L’Handball Club Monteprandone, reduce da due successi consecutivi, spera di confermarsi sabato, al palazzetto di via Colle Gioioso (4 punti su 4). Stavolta, però, l’esame più duro, contro la capolista Team Mascalucia, unica squadra del girone C di Serie A Bronze a punteggio pieno, a quota 8. Marchigiani due punti sotto.

Sabato, alle 15, quinta tappa della stagione. La squadra di coach Andrea Vultaggio la avvicina nel segno dell’emergenza, per l’influenza che in settimana ha reso impossibile sostenere allenamenti a ranghi completi.

I verdi conoscono poco i siciliani, ma l’avvio di stagione della prima della classe lascia intendere che l’impegno sarà tostissimo.

Intanto, la Federazione ha disposto un minuto di silenzio sui campi della pallamano per onorare la memoria di Giovanni Cardone, dal 1977 e ininterrottamente per 46 anni impegnato nel movimento della pallamano italiana, prima come arbitro – nazionale e internazionale – e poi in veste di commissario speciale e di responsabile arbitrale dell’Area 7 Lazio-Campania.

Al Colle Gioioso (ingresso gratuito) HC-Mascalucia sarà diretta dagli arbitri J. Kurti e Ramoul.

Questo il programma completo della quinta giornata.

HC Monteprandone-Team Mascalucia 02/12 ore 15

Il Giovinetto-Altamura 02/12 ore 17.30

Noci-Chieti 02/12 ore 19

Pescara-Gaeta 03/12 ore 18.30

Primo colpo fuori casa

Chieti-HC Monteprandone 28-30

CHIETI: Toto, Bida 3, Pidsosonnyi 4, Gjini 2, Giampietro 6, Vera 1, Marco Faieta, Santoleri, Candelo 2, Scaringi, Di Brigida 2, Federico Faieta, Vaveliuk, Caramagno 4, Orlando, Di Mascio 4. All.: Savini.

MONTEPRANDONE: Mucci, Grilli, Cocco 11, Vagnoni, Mirko Salladini, Evangelista 1, Selgas Grandi 4, Di Girolamo 2, Cani, Capocasa, Tritto, Cuzzi 3, Moreno Salladini 8, Romussi 1, Cela. All.: Vultaggio.

Arbitri: Nicolella e Rinaldi.

NOTA: parziale primo tempo, 16-15.

CHIETI – La terza vittoria, la prima in trasferta. Quella che vale il secondo posto in classifica (con Noci). L’Handball Club Monteprandone sbanca il Centro Federale di Chieti. Ci riesce dopo una partita combattutissima, data l’alta posta in palio. Ma contrariamente alle precedenti tre partite l’HC entra in campo subito concentrato. Match punto a punto per tutto il primo tempo. La squadra di Vultaggio tenta spesso di scappare, ma i teatini tengono lì i rivali e anzi vanno al riposo avanti di uno (16-15).

Ripresa sulla falsariga del lato A della sfida. Tante emozioni. Ma l’HC si conferma formazione in grado di cambiare passo, mantenendo alto ritmo e concentrazione, con una buona difesa e un attacco lucido. I marchigiani premono sull’acceleratore, passano sopra di 4 punti, poi ecco il black out. Chieti si porta sul 26 pari. Ma nel finale il colpo di reni di Monteprandone, che tiene i nervi saldi e chiude 30-28.

Qualche nota: Mucci in splendida forma, ma notevoli le prestazioni di tutti e tre i portieri, con Capocasa e Cela bravi a neutralizzare un tiro a testa dai 7 metri. Top scorer della partita, Cocco: 11 gol.

Così coach Andrea Vultaggio: “Siamo andati un po’ sulle montagne russe. Un’altalena di emozioni di cui avrei fatto volentieri a meno, ma che alla fine ci ha premiato per voglia e determinazione di ottenere i due punti. I miei ragazzi sono stati bravi a non perdere mai la calma, nonostante per larga parte della seconda frazione siano stati spesso costretti in inferiorità numerica. Che la partita non fosse semplice lo dicevano i risultati fatti da Chieti fin qui. Alla fine la differenza l’ha fatta l’esperienza accumulata nello scorso campionato, quando forse una partita così non l’avremmo portata a casa” aggiunge coach Vultaggio.

Ultima battuta sulla prossima, sabato 2 dicembre, al Colle Gioioso (alle 15) contro la capolista Team Mascalucia, unica squadra del girone C di Serie A Bronze a punteggio pieno dopo quattro giornate di campionato. “Ci aspetta un compito molto arduo. I siciliani sono di gran lunga una delle formazioni più esperte. Il nostro obiettivo è fare meglio possibile e limare le imperfezioni che con Chieti ci hanno impedito di passare una giornata un po’ più serena” conclude coach Vultaggio.

HC in trasferta a Chieti

MONTEPRANDONE – La quarta fatica, quella per il momento più dura. L’Handball Club Monteprandone a Chieti, contro la rivale che la affianca in classifica a quota 4, due punti sotto la capolista Team Mascalucia (l’unica a punteggio pieno). Due vittorie e una sconfitta per entrambe le squadre, domani alle 18 eccole di fronte.

Monteprandone si appresta alla trasferta numero due della stagione dopo il secondo successo filato in casa (con Gaeta). Coach Andrea Vultaggio in settimana ha dovuto gestire l’emergenza, colpa dell’influenza. Insomma, l’appuntamento contro una delle favorite per la vittoria finale del girone C di Serie A Bronze si è sviluppato con presupposti non particolarmente favorevoli.

Al Centro Tecnico Federale di Chieti arbitrano Nicolella e Rinaldi.

Qui il riepilogo della terza giornata di campionato.

Il Giovinetto-Pescara 25/11 ore 15

Chieti-Monteprandone 25/11 ore 18

Altamura-Team Mascalucia 25/11 ore 19.30

Gaeta-Noci 26/11 ore 15

C’è il secondo pieno

HC Monteprandone-Gaeta 35-25

MONTEPRANDONE: Mucci, Vagnoni, Mirko Salladini 1, Evangelista 3, Di Girolamo 3, Cani, Grilli 3, Selgas Grandi 7, Capocasa, Trillo, Cuzzi 1, Moreno Salladini 6, Cocco 9, Romussi 2, Petroni. All.: Vultaggio.

GAETA: Clima, Prosdocimo, Macone, Fiorenzano, Usai 3, Curcio 2, Golinelli 1, Antonio Monti 2, Tavoletta, Pantanella 9, Uttaro 8, Roberto Pio Monti, Singh. All.: La Monica.

Arbitri: Verardi e Bevilacqua.

NOTA: parziale primo tempo, 15-14.

MONTEPRANDONE – Due su due in casa. L’Handball Club Monteprandone supera 35-25 la matricola Gaeta e sale a 4 punti in classifica, sotto l’unica squadra a punteggio pieno del girone C di Serie A Bronze, il Team Mascalucia.

Partita più complicata di quanto suggerirebbe il risultato, almeno per metà. Monteprandone, infatti, scatta dai blocchi lenta. Adagiandosi, forse, al ritmo blando del confronto. Gaeta tiene botta e si va al riposo sul 15-14.

Nella ripresa viene fuori la maggiore esperienza dell’HC, che riesce a farsi valere anche dal punto di vista fisico. I padroni di casa scavano il solco e chiudono sopra di 10.

Coach Andrea Vultaggio commenta così la seconda vittoria stagionale, sempre al Colle Gioioso (dopo quella con Pescara): “Abbiamo fatto il nostro dovere. Complimenti a loro, intanto, da matricola hanno venduto cara la pelle. Per noi la strada è ancora lunga, pensare a degli obiettivi è impossibile. Niente programmi a lungo termine, ci vuole tempo, lo abbiamo visto soprattutto nella prima frazione di gioco. Abbiamo ancora bisogno di fare esperienza” conclude l’allenatore monteprandonese.

Sabato 25 novembre, alle 18, trasferta a Chieti, coi teatini appaiati in graduatoria a quota 4 (c’è pure Noci).

Monteprandone all’esame Gaeta

MONTEPRANDONE – Si torna al Colle Gioioso e l’Handball Club Monteprandone spera di ripartire subito. Dopo lo stop in Sicilia, sul parquet del Giovinetto, la squadra di coach Andrea Vultaggio si prepara al secondo impegno interno della stagione: sabato 18 novembre, alle 18.30, nelle Marche arriva Gaeta.

Laziali ancora a secco di punti: doppia sconfitta contro Chieti e Mascalucia. L’HC, invece, all’esordio (in casa) ha battuto Pescara.

Terza tappa della stagione: verdi al completo e determinati a cogliere il riscatto. Arbitrano Verardi e Bevilacqua. Al solito, al Colle Gioioso, l’ingresso è gratuito.

Qui il programma completo del 3° turno di campionato.

Monteprandone-Gaeta (18/11 ore 18.30)

Team Mascalucia-Chieti (18/11 ore 18.30)

Noci-Il Giovinetto (18/11 ore 20)

Pescara-Altamura (19/11 ore 17)

Monteprandone vince il torneo di Chieti

MONTEPRANDONE – Una doppia vittoria nel torneo disputato a Chieti, a due settimane dall’inizio del campionato (sabato 21 ottobre, contro Pescara, al Colle Gioioso). La tappa abruzzese regala un sorriso, ma niente più, all’Handball Club Monteprandone, in attesa di fare sul serio: il torneo di Serie A Bronze si prospetta durissimo.

Chieti supera Pescara di 14, poi tocca a Monteprandone sfidare gli adriatici. I blu marchigiani disputano una gara mediocre, adattandosi troppo al ritmo dell’avversario invece di imporre il proprio, superandolo comunque 23-20.

Nel test con Chieti, invece, partenza sprint dei rivali. L’HC subisce la velocità teatina, poi si riorganizza e riesce a chiudere il primo tempo sotto di quattro (15-11), evitando l’imbarcata. Nella ripresa scatta la rimonta di Monteprandone, decisamente più organizzato in difesa e molto più lucido in attacco. Chieti è costretto a difensore in modo aggressivo, rimediando diverse volte le esclusioni per 2 minuti, ritrovandosi in inferiorità numerica. Sfida punto a punto e finale da cardiopalma: ad appena 3 secondi dal sipario, decisivo il gol del 27-26 firmato da Filippo Romussi, che festeggia così il suo ventesimo compleanno.

Questo il commento di coach Andrea Vultaggio: “Le partite di Chieti ci indicano che c’è ancora da lavorare per raggiungere una forma atletica e mentale ottimale, vedi prestazioni molto differenti nelle due gare. I nuovi arrivati si stanno integrando sempre più nei nostri meccanismi di gioco, ma il risultato non deve significare nulla: sarà un campionato difficile, da giocare partita dopo partita. Impegno e costanza sono le parole d’ordine per provare a toglierci qualche soddisfazione”.

HC terzo al Memorial Iadarola

MONTEPRANDONE – Le emozioni, prima del risultato. Domenica batticuore per l’Handball Club Monteprandone. Al Colle Gioioso si è giocata la 14esima edizione del Memorial Daniele Iadarola, in ricordo dello sfortunato giocatore blu morto nel 2006 e figlio del fondatore della pallamano monteprandonese, Pasquale.

L’HC non è riuscito a difendere il trofeo: ad alzarlo i Lions Teramo, che nella semifinale del mattino hanno superato la squadra di coach Andrea Vultaggio 17-14. Nell’altra sfida 26-25 del Campus Italia contro Pescara. Nella finalina pomeridiana per il terzo posto, invece, Monteprandone ha superato gli abruzzesi 38-28. I Lions Teramo, infine, hanno avuto la meglio sul Campus Italia 38-32 e si sono aggiudicati il Memorial.

Per i blu comunque un ottimo viatico in vista dell’esordio in campionato del 21 ottobre, proprio con Pescara e sempre al Colle Gioioso. Nel frattempo la società potrebbe definire un ultimo torneo, a Chieti.

“Ci teniamo a ringraziare il Comune, che ha patrocinato l’evento, i dirigenti delle altre società e le squadre che hanno partecipato. Oltre, naturalmente, a Pasquale Iadarola” ha detto alla fine il vicepresidente dell’HC Pierpaolo Romandini.

Alla premiazione presenti anche il vice sindaco di Monteprandone, Daniela Morelli e l’assessore Christian Ficcadenti.

Sabato torneo federale a Chieti

MONTEPRANDONE – Squadra al lavoro dal 18 agosto scorso e campionato ancora distante oltre un mese e mezzo (la prima il 21 ottobre, con Pescara, in casa). Ma l’Handball Club Monteprandone prova a prendere la rincorsa. A testarsi. Sabato a Chieti torneo federale. Partite da 30 minuti, la prima alle 9.30 tra Teramo e Campus Italia, dove si è da poco trasferito l’ex blu Wasim Khouaja; alle 11.15 toccherà proprio all’HC, contro Camerano. Nel pomeriggio alle 16 la finalina tra perdenti, alle 17.45 quella per il primo posto (in caso di parità, i rigori). 

Così il coach monteprandonese, Andrea Vultaggio: “La preparazione è appena iniziata e i ragazzi si stanno impegnando duramente per arrivare al meglio all’inizio del campionato. Test come quello di sabato sono utili per mettere minuti nelle gambe e migliorare la fluidità di gioco. Il gruppo è rinnovato, ne abbiamo bisogno. Ma l’obiettivo, in questo momento, è soprattutto divertirsi e riprendere confidenza con il campo” conclude Vultaggio.

Khouaja saluta: vola in Serie A Silver

MONTEPRANDONE – Dopo quattro operazioni in entrata (Cocco, Romussi, Cuzzi e Grandi Selgas), una in uscita. Non un addio, ma un arrivederci in casa Handball Club Monteprandone: Wasim Khouaja (nella foto) vola in Serie A Silver. Lo farà, nel prossimo biennio, con la maglia del Campus Italia. Un riconoscimento del valore del centrale classe 2006, ma anche del lavoro svolto dal settore giovanile della società dei fratelli Roberto e Pierpaolo Romandini.

Per Khouaja, fiore all’occhiello del vivaio monteprandonese, un epilogo quasi naturale, dopo essere entrato nel giro della Nazionale Under 17 e dopo avere partecipato, nell’aprile scorso, ai Campionati Mediterranei di categoria in Tunisia.  

“Questa ulteriore convocazione” dice adesso il presidente Roberto Romandini “è motivo di grande orgoglio per la nostra società. Auguriamo a Wasim le migliori fortune per un nuovo percorso che si preannuncia di arricchimento e formazione”.

L’U13 al lavoro per il Trofeo Open

MONTEPRANDONE – L’Handball Club Monteprandone sta preparando il Trofeo Open di Misano Adriatico, all’interno della Festa della Pallamano. Appuntamento da martedì 4 a sabato 8 luglio prossimi a Misano Adriatico.

I ragazzi di coach Andrea Vulgaggio si stanno allenando in vista dell’impegno romagnolo. Coinvolte altre 15 formazioni: le marchigiane Cingoli (nel gruppo A), Camerano e Chiaravalle, insieme a Conversano, Cassano Magnago, Pressano, Tavarnelle, Vasto, Albatro, Secchia Rubiera, Putignano, Merano, Lanzara, Sassari Azuni, Young Opitergium.

Definito anche il calendario. L’HC, inserita nel girone B, esordirà martedì 4 luglio alle 17.40, contro Pressano.  Il 5 luglio, alle 10.10, match con Tavarnelle e alle 16.40 la sfida a Sassari Azuni. Il 6 luglio alle 9.20 derby contro Camerano, alle 17.30 rivale il Conversano. Il 7 luglio, poi, alle 8.30 la partita con Cassano Magnago e alle 15.50 altro incrocio marchigiano con Chiaravalle.

Sabato 8 luglio, al mattino, tutte le sfide per i piazzamenti dal 1° al 16° posto. La finalissima, tra le vincitrici dei due gironi, si disputerà alle 11.

HC, iscrizione e primo rinforzo

MONTEPRANDONE – L’Handball Club Monteprandone ha staccato la spina giusto qualche giorno. Eccola pronta, la società dei fratelli Pierpaolo e Roberto Romandini, a guardare già alla prossima stagione della prima squadra.

Intanto: iscrizione al prossimo torneo fatta. E sarà un’annata significativa, dopo la riorganizzazione dei campionati maschili varata dalla Federazione. Come? La Serie A Gold, a 14 squadre, è stata confermata. Al suo fianco la Serie A Silver, anch’essa con la struttura del girone unico, composto però da 12 squadre. La grande novità è la Serie A Bronze, con tre gironi da 12 formazioni ciascuno. Monteprandone, reduce dalla salvezza in A2, parteciperà proprio alla Bronze.

Iscrizioni ancora da chiudere. Ne consegue che le date e il calendario restano da perfezionare. L’HC di coach Andrea Vultaggio, però, si è già regalata il primo rinforzo. È argentino (di Cordoba): il terzino sinistro classe 2003 Antonio Cocco (nella foto). Il neo blu gioca a pallamano dall’età di 9 anni, ha alle spalle tornei (anche di carattere internazionale) under 15, under 17, under 19 e under 21 con la maglia del Pias Handball, Federazione Cordobesa.

Ora Cocco si misurerà con il campionato italiano.

L’Under 13 alla Festa della Pallamano

MONTEPRANDONE – È la Festa della Pallamano e al suo interno ecco le FIGH Finals U15 e U13. Si terrà dal 4 al 9 luglio sui campi di Misano Adriatico, Rimini e Riccione e c’è anche l’Handball Club Monteprandone.

Nella sede federale dello stadio Olimpico, a Roma, è stato effettuato il sorteggio che ha definito la composizione dei gironi. La società dei fratelli Roberto e Pierpaolo Romandini parteciperà con la squadra Under 13 e in Romagna si ritroverà insieme ad altre 13 formazioni. Blu inseriti nel gruppo B con Conversano, Cassano Magnago, Chiaravalle, Pressano, Tavarnelle e Camerano. Nel girone A, invece, Vasto, Cingoli, Albatro, Secchia Rubiera, Putignano, Merano e Young Opitergium Oderzo.

Al massimo 16 gli atleti per ogni squadra. Due i campi di gioco, entrambi a Misano in via Rossini: il Palasport e la Tensostruttura. L’HC Monteprandone di coach Andrea Vultaggio debutterà martedì 4 luglio alle 18.40, contro Pressano. Secondo impegno il 5 luglio alle 10.10 con Tavarnelle. E ancora: il 6 luglio alle 9.20 derby contro Camerano, alle 16.40 match col Conversano. Il 7 luglio, poi, alle 8.30 la sfida con Cassano Magnago e alle 15.50 altro incrocio marchigiano con Chiaravalle.

La mattina di sabato 9 luglio le finali 9°-14° posto e a seguire quelle dal 1° all’8°, con la finalissima tra le vincitrici dei due gironi in programma alle 11.